Controllo automatico della qualità con la Computer Vision

Le nuove tecnologie di visione artificiale consentono di ridurre i costi di produzione e migliorare il controllo qualità.

Controllo automatico della qualità con la Computer Vision

Innovazione di processo: come si fa?

Ci siamo trovati a dover ideare delle soluzioni per il monitoraggio e il controllo automatico qualità all’interno di un impianto produttivo.

In Veneto l’industria manifatturiera costituisce l’ossatura di un tessuto economico che continua a crescere negli anni (quasi il 2% di produzione in più tra il 2019 e l’anno precedente) e che si apre sempre più alla competizione sui mercati internazionali.

L’azienda partner per questo progetto è Tecnolaser che ha la necessità di monitorare la produzione per abbattere i costi della produzione, aumentando quindi il profitto, rendendo più efficace il processo al fine di:

  • ridurre i resi dei clienti causati da piccole imperfezioni del prodotto;
  • evitare ulteriori passaggi nella linea produttiva alle componenti che già al primo passaggio non presentano difetti;
  • rilevare la presenza di imperfezioni tempestivamente e preventivamente potenziando il controllo umano e analogico con il controllo svolto da macchine.

Parliamo di tecnologia

La Computer Vision (o visione artificiale) mira a riprodurre la vista umana grazie a camere e sensori ottici che raccogliendo immagini 2D ricreano un’ambientazione 3D, verificando poi la presenza o meno di determinati oggetti (Object Recognition).

Nel settore industriale questa tecnologia sta riscuotendo sempre più interesse perché utile a:

  • controllare la qualità della produzione e scovare difetti o imperfezioni;
  • classificare, misurare, analizzare oggetti in scorrimento nella catena di produzione;
  • orientare e posizionare oggetti e favorirne la movimentazione e la logistica.

Questa tecnologia permette quindi alle aziende di ridurre i costi ed avere un controllo sulla totalità della produzione tramite criteri oggettivi stabiliti a monte e replicabili.

All’opera per Tecnolaser

Tecnoloaser è tra le aziende leader al mondo per la lavorazione della lamiera, con servizi come taglio laser, punzonatura, verniciatura, ecc. e con un giro d’affari annuo superiore ai 30 milioni di Euro.

Nella settimana di studio presso il loro impianto produttivo ci siamo concentrati su una specifica fase della produzione, ovvero la verniciatura della lamiera. In questa fase il controllo della qualità dell’output non è automatico, bensì avviene ancora analogicamente attraverso l’ispezione da parte degli addetti, rendendo così il processo strettamente connesso alle performance degli esseri umani, soggettivo e variabile nel tempo e nelle persone.

Abbiamo quindi ipotizzato di supportare questo controllo ‘manuale’ con un sistema di Computer Vision che scovasse ogni singola imperfezione rendendo il controllo più affidabile e permettendo di destinare gli addetti a mansioni con un maggiore valore aggiunto.

Il controllo automatico della produzione consente a Tecnolaser di ridurre i tempi di ispezione e di limitare eventuali ulteriori verniciature dove non necessario, secondo le nostre stime, un risparmio dei tempi di produzione di oltre il 50%.

Il controllo qualità automatizzato riduce quindi i tempi, i costi ed è più affidabile: ecco la tecnologia che viene in aiuto delle aziende per migliorare le performance, consentendo loro di competere a livello internazionale.

Controllo qualità automatico grazie ad interfaccia dotata di computer vision

Ti interessano gli insight di questi progetti? Li condividiamo con gli iscritti al nostro Exploratorium, scopri di più su questo laboratorio di sperimentazione cliccando qui 👉 https://exploratorium.uqido.com/

COS’E’ EXPLORATORIUM

Exploratorium è il laboratorio di Uqido dove ogni settimana progettiamo, sviluppiamo e lanciamo sul mercato un nuovo prodotto digitale.

Il nostro MVP Lab composto da sviluppatori, designer e marketing strategist, provenienti da realtà come IDEO, YCombinator, Sony e M31, realizza e lancia ogni settimana un nuovo prototipo e, attraverso tecniche di Growth Hacking, metodologie Lean e Design Sprint, raccoglie i feedback del mercato.